Unione Europea FSE
Agenzia per la Coesione Territoriale
Dipartimento della Funzione Pubblica
Pon
CAFStrumenti

Un modello europeo per valutare la performance

Il Common Assessment Framework (CAF – Griglia Comune di Autovalutazione) è uno strumento gestionale che guida l’esecuzione di check diagnostici della performance organizzativa. E’ stato definito nell’ambito delle iniziative di collaborazione europea degli Stati Membri nel settore pubblico, quale modello di gestione della qualità totale ispirato ai principi di eccellenza della gestione, utilizzati e diffusi dagli anni 90 in Europa, dapprima nel settore privato e poi anche in quello pubblico. Si fonda sul principio che risultati eccellenti di performance e riferibili sia ai cittadini, ai “clienti” e agli stakeholder dell’organizzazione che al personale, e in senso generale alla società, si ottengono solamente attraverso una leadership che sappia guidare in modo corretto la definizione delle politiche e delle strategie, nonché la gestione del personale, delle partnership, delle risorse e dei processi. Propone un’analisi della performance organizzativa caratterizzata da:

completezza: attraverso il processo di autovalutazione  ovvero un’analisi compiuta attivando le diverse componenti professionali presenti nell’organizzazione, al fine di ottenere completezza dell’analisi e condivisione sugli esiti stessa

organicità: perché il modello ha carattere olistico ovvero mette in connessione i fattori abilitanti (le leve organizzative) con i risultati  che si ottengono

sistematicità: ottenuta applicando il ciclo di Deming (Plan Do Check Act) che aiuta ad individuare le aree di debolezza che è necessario conoscere per poter  perseguire il miglioramento continuo

Il modello è stato aggiornato tre volte dalla sua nascita (2000/2006/2013), con una revisione continua degli esempi che accompagnano i criteri e sottocriteri in cui si articola e che rappresentano le “buone pratiche” condivise fra gli Stati Membri. A livello europeo ne esiste una versione generale, rivolta a tutte le diverse tipologie di amministrazione pubblica, e una personalizzata per il settore educativo che è quello nel quale l’utilizzo del CAF risulta più diffuso, anche a livello nazionale. Sono attualmente in corso a livello europeo i lavori per la definizione delCAF 2020  che sarà approvato entro la fine del 2019. Il modello è stato tradotto in 25 lingue e utilizzato in 59 Paesi e  in molte istituzioni europee. Sono circa 4000 gli utenti CAF registrati nel data base europeo dell’EIPA. In Italia, tra registrati e non registrati, sono quasi 1.000 i casi di applicazione del modello CAF.


Proviamo a dare risposta alle vostre domande.

 

Il modello CAF può essere utile alla mia amministrazione?

Scopri le potenzialità del modello 

Guarda come puoi migliorare la performance organizzativa con il CAF 

Leggi com’è strutturato il modello CAF

 

Il processo di autovalutazione CAF facilita la gestione del Ciclo di performance?

Verifica la relazione tra il CAF e il Ciclo di performance 

 

Il processo di autovalutazione CAF facilita la predisposizione del RAV e del PDM richiesti dal Sistema Nazionale di Valutazione?

Verifica la relazione tra il CAF e l’SNV 

 

Vuoi approfondire la conoscenza del modello?

Leggi il CAF o il CAF EDUCATION


Se hai altre domande sul CAF, compila  il form chiedendo di accedere al servizio L’esperto risponde e riceverai i chiarimenti richiesti entro 48 ore.

Il processo di autovalutazione e definizione del miglioramento impegna l’amministrazione nel suo complesso e deve essere opportunamente preparato. Puoi scoprire come, dalle lezioni apprese dall’esperienza di altre amministrazioni, esplorando il  box successivo.